Lunedì, 29 Ottobre 2012
Pablo Sanchez Chillon
Relazione: "Una visione complessiva della città intelligente, dalle infrastrutture al ruolo dei cittadini"

playervideo

Per postare un messaggio in questo spazio basta scrivere sulla bachecca di ForumPa su Facebook
Pablo Sanchez Chillon
Relazione: "Una visione complessiva della città intelligente, dalle infrastrutture al ruolo dei cittadini"

La trascrizione automatica dell'evento

non per me poco un buon pomeriggio a tutti prima di tutto vorrei ringraziare l'organizzazione per avermi invitato e ad essere oggi tra di voi come hanno spiegato momentino fa sono Paolo santi attivando sono stato chiamato pilone tante volte ma non c'è niente da fare con questa parlo senza eccidio sono il fondatore con fondatore non con qualche socio della aziendali o leciti la la quale una consulenza spagnola e che ha assunto il ruolo più realistico nell'nello sviluppo e destinarsi distinti in e Spagna pure nell'America stiamo lavorare a questo momento è la ragione di essere qui e per cercare di spiegare voi dalla nostra visione quale sarete sarebbero i propri punti per andare verso queste città intelligente e al eppure per raccontarvi qualche Estense di lavoro che abbiamo questo appunto cercare essere se è di possibile certi paragoni tra la situazione italiana quella che abbiamo noi in Spagna ma soltanto ricordando questi questi affari resti da fare che paragonare sappiate che è non ci sono adesso opportuni no insisto debbo oppure ringraziare specialmente a Claudio fornirli per la persona da tre trafori perché è stato lui la persona a chiamarmi tra di voi è l'ultima volta che mi sono messo a parlare davanti e davanti tanti cittadini italiani insieme è stato alla Facoltà di giurisprudenza della lui a Roma nell'anno mille novecentonovantaquattro e quando dovevo dare un esame di diritto civile bene io sono ho fatto l'avvocato sono avocato romanista mi sono mosso questo mondo recita intelligente di maniera progressiva negli ultimi tre anni ho fatto pure ho fatto e studi di distanza politica questo il modo in cui ci siamo avvicinati nostra Moffo abbiamo fondato questa consulenza come vi ho detto prima stiamo lavorare adesso su questi progetti che sono si dice e il mio ruolo oggi è questo che ho parlato con l'organizzazione della loro hanno veramente accertato questa questa decisione e di parlare di trecentosessanta gradi delle città intelligenti parleremo di infrastrutture ma pure parleremo di cittadinanza di storia questo momento e non non sono richiami votino alla partecipazione cittadina ma al delle altre cose che in quei sosterremo un po' di sicuro mi scuso per in italiano ma ho voluto parlare in questa lingua se non me ne abbiate possiamo fare poi delle domande qualcosa del genere no e come vi ho detto noi ai all'ex si dilata restiamo a lavorare su diversi progetti a questo momento sempre abbiamo cercato delle difficoltà abbiamo assunto qualche ruolo Evangelisti Como in questo modo perché anche come capita a cui tra di voi questo delle smart siti se non viene ad essere un po'una chimera un certo discorso un po'di un qualche senso distaccato dalla finanza dei ruoli che si devono assumere proprio nelle città e tanta volte a e tante volte viene usata questa generica che non lo dica e nel fatto che le città e a intelligente non vengono capite dai cittadini che si c'è tanta gente da scherzare in cui addirittura con questa cosa ci rende evidente perché non ha capito capisce nessuno do di parleranno spesso del queste le sfide della città contemporanea dei ruoli che si devono assumere dei problemi che condividiamo praticamente tutte le città delle grandissime risorse che ci vogliono per me sviluppare certi preti che smaltiti certi di ceneri una sintesi e io vengo a dare un messaggio di speranza in qualche senso perché l'alternarsi di non sempre costa tanto hanno sempre passano tanti soldi ed è per sviluppare le se non si è visto che su di sicuro sentiamo le aziende prendono oggi che queste grandi sarebbero abbastanza tra di voi oggi responsabili di queste evidenti sempre andiamo a parlare di queste grandi spese per divenire intelligenti poco penso che c'è in qualche un progetto qualche strada per Masi fin qui non si deve spendere tanti soldi ed è per questo che parleremo di attivazione urbana incentivi scorsi riguardanti questo ruolo dei cittadini che viene ad essere pure il cuore del di quello che noi capiamo come città intelligente e passo direttamente a parlare di di queste cose non le città che oggi sono ambienti complessivi sono realtà cambia anti tanti Sindaci tanti pubblica amministrazione devo devono facciale aspettative crescenti dei dei cittadini risorse limitate per farli del fronte o no si dice che le città sono spazi affollati è vero se questo chiamata questo richiamo permanente al settantacinque per cento della popolazione avete dalle città dopo del due mila cinquantasette speranze sentita abbastanza ma dobbiamo muoversi verso questa equazione insensata sostenibilità è cercare di ieri avvicinarsi in qualche modo ai cittadini che in questi termini ne parleremo un po'tra qualche minuto il ruolo decide che sta cambiando i cittadini si muovono in diverse i piani che non sono sempre quelli reali e io come urbanista ancora sto a macchia d'armi e come mai civile stanno disegnare le città il secolo Aventino con dei criteri del secolo diciannovesimo se una cosa che mi pare che sia lo stesso per voi in Italia ma quanto per noi in e Spagna vorrei sull'America questi piani regolatori vengono ancora disegnati sul fatto dei criteri di insistenti nel proprio secolo diciannove questo del sono del delle verità che si devono un po'faranno ci dice che la città sono le città sono spazi affollati parere e questo per un ma questo una virtù vuol dire si capisce che con tanta gente c'è talento cioè ci sono cose da fare se necessita di mobilitare la popolazione in qualche senso e questi cittadini che si muovono e indirizzi nei diversi piani digitali reali possono aiutare lo sviluppo della città intelligente inserirsi in molto interessanti per quanto sono loro i cittadini eppure tutte le persone noi anch'io sono un cittadino e dice siamo tutti a gli stakeholders con dei poteri intascare speciale con questi telefonini e Smart per essere accendi agenti del cambio questa chiamata al cambio non è vuota nemmeno perché ci sono tanti cittadini a gestire il cambio a trasformare le città in piani digitali perché questa città digitale e cioè e dobbiamo essere dobbiamo capire che c'è dietro le dietro la vita fisica delle delle città no lei citava no verso nuovi ruoli di gestione non è tanto quello di gestire servizi pubbliche ma quelli di gestire piattaforme che gestiscono servizi pulire questa interessante si sentite questi giorni essere ammirare che viene dall'estate della questa quella dei negozi di Barcellona lui vi parlerà benissimo spero di queste cose riguardanti la gestione di piattaforme del servizio panino e questi pali quelle pare si possa al sono e il futuro in qualche modo le grande specie i grandi progetti devono essere venire fatti dalla colorazione pubblico privata e questa realizza che si deve affrontare la innovazione sotto sociale e nuove sintetico sistemi urbani sono la realista è più interessante che secondo me delle città intelligente si parlerà troppo dei CIPE intelligente si parlerà infrastruttura si parlerà di tante cose ma si si deve capire secondo noi le perché il principale è successo nelle città intelligente verrà dal campo dell'innovazione sociale ieri eravamo cominciano a parlare un po'di queste cose e ne sono convinto e tante volte si parla di nei progetti un po'lontani distaccati dalla rallenta ma la città intelligente e si sta costruire ogni giorno dalla mano della trasformazione che venga viene fatta da dai cittadini parleremo pure dei questi paradisi ma si disse il cambio è davanti a noi le il cambio non è solo una sfida è una necessità tutti quanti gestori pubblici noi privati dobbiamo affacciate questo cambio nel senso che non c'è qualcosa da da scomunica succedere e non dobbiamo avere paura dobbiamo muoverci in qualche senso verso questo paradigma delle smaltiti quando noi ci siamo messi a ad elaborare su questo campo delle star zitti su come vi ho detto prima abbiamo avuto questo ruolo di evangelizzazione in qualche modo no almeno tetto fa parlavo con mia madre nel buio fa provocato che mi è costato tanto che mia madre mi abbia capito capito per quale fosse delle cose che noi facciamo nel campo del ruolo delle città intelligente e questo è il questo è il comune la la gente deve e capire che ci sono le città intelligente a che servono lecite intelligente no e in questo senso abbiamo sistemato piano di lavoro che parte di tre di tre pilastri fondamentali che sono l'abbiamo chiamato i terzi della della smaltiti qualche progetto dell'ICT e secondo noi dovrebbe partire questo di questa realtà non la missione questa visione è sempre una visione che deve essere condivisa da gli stakeholders questi stakeholders sono pure i diritti poveri e i poteri pubblici l'amministrazione pubblica ma pure i cittadini e le aziende se non c'è questa convegno tra le tre i tre piani di lavoro non ci sarà mai una stasi una smaltiti secondo noi questa insieme vuol dire interrogarsi sulla propria identità debbo ne parleremo tra poco della realtà della pur banalizzazione in quella urbana urbanizzazione urbana alle e quello che diciamo la forma urbana si viene a repentaglio ripetere dappertutto perché noi perché la tecnologia eppure i ruoli dei cittadini possono essere ripetuti in emanerà un cosa interessante tante volte no questa visione ogni volta a rendere di gestori pubblici come equilibri iscritta in qualche modo devono gestire questa realtà alle ASP le aspettative cittadine si sette oggi qui in tanti impiegati pubblici capirete che si stanno delle opportunità per per gestire delle piattaforme per gestire i servizi ma di risorse sono installate all'anno calando note non c'è tanto soldi allora dobbiamo parlare di di divisione ma pure infrastruttura e questo convegno oggi questo pomeriggio si parlerà infrastrutture bada davanti che senza le infrastrutture secondo noi non c'è smaltiti la stella infrastrutture diversa ma quella riguardante la connessione la collettività e eccetera eccetera questa per noi è così importante a parte quelle truffato guerra della città intelligente no eppure il piano di comunicazione questo è capitale per noi non si può lavorare sul piano delle smart siti su senza e cominciare a comunicare quello che si vuol fare da sin dal primo giorno e tante volte ci siamo affacciati responsabili di quei nemmeno capiscono cosa siano le le smart si disse vogliano fare consente vogliono avanzare in qualche senso ma non Carlo non capiscono quali il vero senso della Smart siti e per questo non sanno a spiegarlo ai cittadini qualche giorno fa ero con mia sociali Bobbio cui seduto e parlando con un indagata in e Spagna lei vuole certamente avanzare in questo ruolo e fermarsi ti dice lanciare una piattaforma ma non capisce niente della smaltiti ma non vuole capire niente è soltanto un un un un tale un un un un discorso che serve a qualche in qualche modo a lavorare ma non più non vogliono capire cosa servono a cosa sono le cifre dell'ente allora non la posso la possono spiegare Città del vino ma questo è una vera trattarle negli nei nostri giorni dobbiamo farla ci fermiamo un po'su queste i tre partiti dei della dei tre pilastri della della smaltiti questa visione Smart e un'azione trasversale e viene fatta con la visione top down ma col botto al al pure non si può capire una Smart siti senza ritorno perché e quelli progetti che vengono soltanto diritti da i nei poteri dei poteri pubblici dai responsabili politici e crollano recenti in e falliscono volta travolto dopo volta no se questa diversità municipale e il sindaco e gli assessori non pure capito che tra di voi in Italia ci sono degli assessori specifici per le sparsi per questo è un esempio alla stanza interessante questa non è così comune nel nel mondo no allora questa diversità implica impiega quello di assumere della bella discussione perché il discorso recita intelligente per avanzare in questa nella realtà ma proprio assumere la propria identità e non c'è una città la cui possa assumere un'identità prestata ad altra la partita non si può avanzare la città Bologna non può pensare di essere Parigi mentre stiamo a Bologna oppure Alejandro io vengo non può pensare di essere buono sai che non ce lo stesso dobbiamo singolare scusate particolari stare i nostri progetti su questo campo riguardando la nostra identità queste impronte perché come vi ho detto la forma la forse ogni formante della tecnologia rende lecita uguali e i piani di lavoro uguali e propri e la propria forma urbana viene ripetuta talvolta questo dualismo che si è detto di Madonna lo sei sempre saremo tornando sulle stesse forme le grande vie delle città vengono occupate dalle stesse aziende decidere perché è comunque le forme urbane nelle forme di di occupare il territorio no questo verrà pure insisto potenziato dalla tecnologia la ricevente vuol direttamente quando io sindaco devo parlare devo avanzare verso la città intelligente devo pensare che sta sono a fare la una sorta di ambasciata mi devo muovere oggi le città sono tutte connesse lecita vanno in gara non competizione una connota un delle altre ma questo questo l'ha detto questo la portualità per tutte quante perché qualche piccola cittadina può e sfidare noi New York dei beni e delle questo nello credo non non è soltanto una forma di parlare no perché queste avanzi verso la tecnologia verso la smaltiti mi dice avvicinano recita ma ognuno deve essere a ambasciatore di queste per questo che mi ha detto che si deve capire bene cosa siano emersi piste si deve la lavorare su questo place Menichini illeciti ma anche di nelle città il il marchio città non ho capito e conosciuto nessuna città la cui voglia avere un marchio e cita specifico sulla raccolta rifiuti rapide come dire ci sono tanti progetti di smaltiti rischia vengono particolarità di sull'assenza di trazione dei dei contenitori raccolta rifiuti questa sarà parte di una strategia più grande di far che si ma non soltanto il la propria identità al proprio come la propria strada non accettano allora di queste dedico che sarebbe una certa è un certo per l'identità indicata territori ogni territorio eppure un avanzo verso l'organismo di stampa voi sapete cosa sia il sparando tanti di voi è questo servizio che ci fa facciamo le foto le condividiamo sull'internet ma tutte le foto diventi vengono diventano uguali alla fine detti questo quali noi sperando in un certo modo e sta avanzando queste citano parliamo ma non andiamo un po'in fretta le le infrastrutture sono basilari le infrastrutture devono ci devono essere una questo vorrà la città ci deve essere il clown tutti dedicata all'intervento finisse il WiFi senza che questo non c'è se uno vuole essere una Smart testi Nation su un destino intelligente una destinazione intelligente dovrebbe avere WiFi sulle strade altrimenti la gente non può condividere queste foto che si fanno deve Bologna stiamo andando a Bologna oppure non ha un altra città e voglio con partire con i miei amici la mia esperienza vitale a questo punto se non abbiamo questa tecnologia nemmeno potremmo essere nel piano di competere con delle con delle altre citano ma pure e ne parleremo dopo il hardware puro vanno parleremo di senza distrazione contenitore rifiuti e Smart affinché l'AIDS e lampioni intelligenti alle alla commento del verdetto ed eccetera non è il mio campo di lavoro ma scisso ci ci deve essere questo sforzo per per avanzare ma pure permette propri proprio questo dobbiamo lavorare pure supremo spesso per il modo di gestione delle città tante volte ci siamo se tutti con i responsabili che vogliono avanzare in questi campi della città intelligente ma hanno tante resistenze da da affrontare che alla fine non si può avanzare alla fine si l'organizzazione municipale pure le aziende private che vogliono lavorare sul fatto sul campo decidendo niente non agiscono in modo di trasformare la gestione dell'Italia non si avanza la nemmeno verso la città intelligenti i sistemi giuridici io sono o fa provocato sono affatto giurisprudenza ho lavorato convocato ma ancora si sta parlare recita intelligente ma non si vuole includere questa visione nei nei le grandemente bandi di gara nei dei contratti di appalto la nostra esperienza non la nostra città ad esempio se c'è da negoziare il contratto del raccolta rifiuti per trenta milioni di euro per i prossimi cinque anni ma nessuno ha parlato di senso di stare i contenitori ma questo perché perché cito sentimenti sensori sul contenitore soltanto quando verrà appieno deve essere raccolto nel se ci sono tante volte in cui questi contenitori Berbenno normalmente svuotati e non c'è niente dentro perché in queste zone in cui nonna Rita tanta gente non ma questa un campo ma in questa sede proprio semplice da fare e non è praticamente costoso ma nessuno vuole includere queste da una condizione abilitante per vincere una gara pubblica boh questo è qualcosa da da pensare pure il Piano regolatore dobbiamo pensare lecita all'urbanistica della città in qualche senso perché oggi la gente si muove innesto negli spazi non può parleremo tra poco distaccati dalla realizzate ci mettiamo le cuffie andiamo e siamo così e attivi nesso si all'aeroporto ma dimentichiamo il fatto che di della corte di coinvolgimento con il territorio immediata no ma si deve parlare le piazze ibride gli spazi i limiti in cui questa realtà digitale reale possa trovarsi e più questa importante perché andiamo verso una città una una città e bonifica i utenti i cittadini tutti quanti veniamo soddisfatti e quando condividiamo esperienze quando siamo riconosciuti in qualche modo e nei piani digitali specialmente si può vedere questo no eppure avere una strategia digitale non non mi fermo più su questo questo piano di comunicazione che vi ho parlato e capitale del piano di comunicazione come detto deve c'è una miscela nasce la divisione totale Mottola niente zero vista Cantet nelle campagne di comunicazione la gente non capisce questo la gente non è dalla gente Smart non è non è stupida allora dobbiamo parlare delle cose che si capiscono se andiamo in questa gergo distaccato terminologico eccetera eccetera non c'è niente da fare la gente non capisce perché i progetti falliscono è vi ho parlato di questi enti e territoriale ogni progetto deve attendere a questa identità dobbiamo usare questi canali tradizionali di comunicazione ma pure speciale le le la social network i dicendo adesso parleremo di Vicenza ITC si sono i nuovi cittadini della marxisti enti questi di dissenso un concetto che abbiamo poi sviluppato qualche mese fa questi dissenso agiscono in modo diverso di cui se viene sperato data l'ora ne parleremo dobbiamo pure lavorare sull'attivazione dell'esperienza cittadina e queste Pepe pure queste su questi piani digitali e cercare il coinvolgimento della della gente dobbiamo agire verso o contro i bar le varie questi parole vari se lo conoscete parlerò ai parlamentari un personaggio ho creato da un per mamme di il il autore di mobilità questo darle vai la sua il suo un parere preferito era preferirei di non farlo andiamo a fare qualcosa e ti trovi davanti funzionari pubblici dei beni pubblici impiegati dei i cittadini politici attiene che non vogliono fare niente si vuole trasformare senza muoversi e questo è impossibile eppure dobbiamo attore contro in inviti questa linea mediazione alla stanza dove noto in mai va cambiato non nel mio cortile dietro cassa è vogliamo infrastrutture vogliamo investiti investimenti in qualche cosa ma lontani da casa nostra saranno possa del devono subirla altri cita minima noi non noi a casa nostra ma questi rinvii parlerai sono i principali in la principale minaccia incontra dello sviluppo delle fasi di il caso di Barcellona adesso a pranzo eravamo parlare con con un collega sul fatto di Marsala nazionale parte della realtà stessa tanti di voi la conoscete fisicamente la ivi il la dell'identità di marzo è una parte del suo organismo questo piano Ferrara c'era stato scusate l'inventore il disegnatore della città di Barcellona e questo piano transennata e proprio modello di sviluppo e una ma se parte non è una città in buona parte gradevole da visitare da militare per il proprio organismo ma Barcellona sperare sviluppato verso le città intelligente ciò detto non la Cina ha capito che il suo la sua forza minerale pure la loro malissimo allora ha deciso di fare una cosa che come mai non si è non non è è venuta in mente di altre persone nazionale sta a sviluppare questo che loro chiamano i siti protocollo ci aspetta questo di protocollo prevalesse del una sorta di certificazione come quella della qualità per città intelligenti loro ti danno il passaporto velocità intelligente se non ce l'hai non c'è intelligente a questo se accetta questa normale ma loro vogliono farlo e si i pilastri per fare questo disegno di politica di certificazione abbiente sul fatto della bensì di protocollo eppure aiuto delle aziende come quella Cisco la IBM eccetera che stanno lavorare su questa definizione dei del del programma siti protocollo se Bologna potrà vorrà vuole essere cita intelligente deve avere questo passaporto vediamo se noi tutti quanti accettiamo questo ma questa realtà non restano avanzando questo modo che hanno cambiato hanno un partito da questa esperienza questa realtà per potenziare il loro futuro personale ma affitti grazie che da quando devono parlare delle nomine va bene l'approccio alla sommarsi bis come si fa questo proceda smaltiti secondo noi partiamo di questa regola la prassi piste noi l'avevamo detto civici centri sono cito il centrismo qualche giorno fa non entre vista una viene fatta girata sul sulla prevista del Forum via e parlavamo di questo si precipiti di centrismo il cittadino non era altro che la condizione abilitante deve e la cittadinanza il smaltiti su mi spiego si può essere cittadino ma si deve essere un cittadino connesso la collettività l'accesso a reti sociale internet questo è un dono è un dono ogni giorno si deve capire questo è un dono non era e una commodity oggi tutti quanti vogliamo anche capiamo che c'entra senza al questo accesso a internet e siamo praticamente disabili in qualche modo ma ma dovremmo pure incide nel fatto sottolineare che è un dono e questo divenne interessante perché quelli cittadini più compromessi con la città useranno queste network pressoché alle ruote le e le e interventi per e sviluppare per essere attenti del cambio questo genere essere civici Endrigo in qualche modo ne riguarda le città molti è stato abbia parlato di questa realtà ma è una realtà attivissima adesso qui c'è una vita digital che non si vede ma sta che sta è stato succedendo questa in questo momento allora abbiamo capire queste città molto è stato i cittadini assumono diverse identità è nelle reti sociali negli social network eppure una e un'identità migliorata in qualche modo tutti siamo migliori nella rete sociale che lo dopo alla vita anch'io intanto il primo i cittadini vogliono le scambiare informazione vogliono condividere sentimenti aspirazione ma senza questo accesso alle reti non c'è progetto le smart si disse si deve parlare di cultura on line dobbiamo trarre trarre il meglio del della cultura on line in cui c'è tanta gente disposta con a a condividere con partire partecipare chiama par si sul territorio questa importante perché e questo alla qualche anno fa era impensabile di debole andare una e l'altra volta ribadire dove siamo a qualcosa in più in qualche modo no avete visto avete sentito sta ma questa mattina caro Ratti con questa magia che fanno propriamente dico interessante ma parlavi ma passi sulla città di fare cose sulla vita e poi politici devono sapere che e lo sanno i cittadini ma a fare una valutazione dell'azione di governo in tempo reale non quelle e per questo diritto che i cittadini sono imperativi che tanti cittadini in in sosta nei porti ma acquatici in ruoli territoriali sul proprio territorio no questo ci sono dei dei beni delle vere sfide della della città intelligente i citati i cittadini sono site senso fino plessi tante volte c'è tanto schieramento in qualche modo verso questo il ruolo dei dei consumatori da davanti questo ruolo dei cittadini avanziamo in qualche modo e di dissenso vi ho detto se la collettività e uno no io cittadino riconosco l'esistenza di questo devo agire in modo di fare cose positive sul fatto della della collettività attraverso le reti attraverso internet attraverso la connessione con dei e il mondo e poi politici devono essere sapere che se non lavoriamo su questi su questi piani digitali che saremo ogni volta più lontani dalla cittadinanza lacci dai litigi senso si muovono in questi in questi spazi sono acquatici queste questa immagine un po'in qualche senso può trasmettere questo questi uccelli sono sempre un anno fa niente quello che sa perché non questa corresponsabilità attraverso le reti e verso la collettività e parte importantissima del ruolo cittadino alla smaltiti su nelle fasi di di sicuro eviti di dissenso non sono i soli abitanti delle città dell'est ma si disse ma avranno nel ruoli crescenti nel futuro in questo campo anch'io sono utili se non sono questi son vigili e che vanno con le cuffie non fanno niente questa gente più giovane ma tutti quanti noi siamo dicendo in diverse me intensità ma potremmo essere gli attentatori delle città intelligente ma questa è la corresponsabilità non è soltanto una chiamata e per questo quando si fanno queste richiami vuoti alla partecipazione per qualche per qualche esperienza di Governo qualche progetto non funzionano la gente non vuole agire quando se la chiama ma se c'è canale per partecipare so che questo ogni volta sono un po'filosofico a la realtà è che nei progetti in queste lo facciano se il cittadino non non è proprio la spina dorsale degli dei predetti non c'è campo non c'era ancora lavorare perché primo o dopo il distacco cittadino distrugge nel nel i presenti questi cittadini sono così vicini ma così lontani possiamo convertire nelle nostre città digitali in beni ecosistemi enti luoghi in cui il più importante leggo la bolla digitale pensiamo tutti connessi ma non vogliamo sapere niente dello nulla di quello che sta accadendo a attorno a noi ma siamo iperattive inerenti questo trattamento ma così importante perché è i social network insisto sono i campi di lavoro per queste per questo lavoro delle della del sviluppo delle delle massiccio sul parte della parte dell'urbanistica la citate se una città vi ho detto che non si può del disegnare la città con dei criteri del secolo diciannove tanti sono intanto su quanti sono validi ma dobbiamo avanzare in qualche modo e la gente mi ieri parlavo chi e sta capitando che in tanti incontri come questi decorsi interessanti non non delle cose da raccontare Italia in detto Mitterrand la questione in cui i messaggi ripeterà falliscono nel comparto davanti il relatore vengono ad essere ecco si e più interessante di quello che si sta a dire denigrazione la organizzazione per non avere verso questa bella anche ma dovete capire che e questo che questa attivazione sociale tramite risorse alle porte e e però il campo di azione di tanta gente allora perché non lavoriamo sul e spazio fisico delle città e cerchiamo di dell'ente di di sviluppare luoghi in cui questi piani digitali si si mischiano perché come come si fa questo perché non mettiamo schermi su certe piazze perché non facciamo aprono di abbiamo scusate se ne approfitto dal fatto di di checkin tanta gente fai checkin nei posti perché non facciamo Cecchi nelle piazze pubbliche per qualche senso vendono orientato verso azione civile per ad esempio no questa sono realtà di su cui si sta a lavorare in questi giorni e qualche dei progetti che stiamo a sviluppare questo che in questo momento vale in questo senso e la gente vuole essere di civile ma le vuole far parte delle cose e questi cammini queste strade sono in corso interessanti per le città non costano praticamente niente episodi di cui parlavo prima e sono del delle porto unità per e che coinvolgere cittadini questi dice Sensi in qualche modo e nel merito dei progetti la rete stradale io vedo che tutti quanti abbiamo avete questo ai patti la il quale Presidente un po'di G otto è logico mai così scomodo nessuno può lavorare su quella alta perché sempre si muovano dominio due minuti allora lavoriamo sulla rete stradale perché perché Fanchini no hanno qualche cosa da mettersi asse quando uno si siede a fare qualcosa regolando lavorare su questi banchi di diciamo in questo senso riscossi semplice perché non si fa con magari perché non non ci ci pensano e la dei siti si office qualche giorno fa nell'nell'nel blog che di cui sono editore parlavamo e che la città è divenuta lo uffici che l'ufficio la Commissione ci permette di lavorare non sempre allo stesso spazio che ci possiamo muovere ma se non iniziamo non lavoriamo sulla spazio fisico della città mai potremmo uscire dall'officina d'ufficio non officina per le macchine della e e e con cittadine cimbra questo è un esempio di di di una realtà perché c'è tanta gente lavorare a camminare consultando fresco che magari possono avere degli incidenti stradali no ma questa è una realtà l'edificazione una struggente molti volevo parlare di cure e con questo ma andrà a finire di questo concetto del concetto di kamikaze americani fiction il la introduzione relative delle dinamiche di di gioco nella vita reale in altri posti che ha parlato dei membri pure nel novembre non diciamo così tempo ma questa ramificazioni così importante si può avanzare tanto i ruoli civici progetti coinvolgendo la città Vania applicando questa tecnica dei pianificazione che non capisco come ancora non si sono sviluppate così in fretta nei nostri dintorni perché questa è una vera una realtà perché ad esempio negli Stati Uniti che adesso così frequente no invece questo punto questi progetti per il lamenti idee troika certezze tra vive mi lascio dopo o qualche qualche link per vedere e quindi o un minuto per per mostrare i quali un esempio di questa ramificazioni di un esempio pubblico cittadino in cui la tecnologia e semplice viene applicata a un piegata nel fatto di di avere uno scopo cittadino avere una un ritorno cittadino e migliorare in qualche modo la la la città questo viene fatto da dando un ricreativi essere per le loro eccitante lo vedete ma abbiamo un bivio impunito spetta a te se vuoi fare che non e intelligente stiamo questo vediamo se non si può la peccato che non è voi ma no sembrare non voler ho detto alla fine di di di questa esperienza questa questa raccolta rifiuti è divenuta hanno raccolto e tre cento per cento in più di rifiuti perché la gente destra giocare in quale modo venivano detentrice dopo c'è un un un ragazzino che vere e proprie spaventato a quest'anno bene come siccome vi lascerò alla presentazione la la potrete vedere non non non vorrei di morale va bene alla fine viene fatto un bel po'questo semplice attivare la la città attraverso la tecnologia per avere un una risposta cittadina coinvolgente in qualche modo no un mese fa acqua in Italia si è fatto questo che va infatti intaccata i tagli è divenuto un esperienza così interessante di mettere insieme il anche su questi gioverà Giovannino non tanto nei talento si con devono la tecnologia per per sviluppare le soluzioni pure per le città vano queste sono progetti che si possono fare sin dal primo giorno in cui uno vuole facciale questo futuro delle comicità intelligente mettere mettendo in centro cittadini a fare delle cose interessanti ma questi fa Catanoso Dicorato per cambiare le città sono interessanti per finire dobbiamo metterci insieme se abbiamo tanto da fare questo è l'interesse tanta gente in queste in queste vicende e reale e quella versiamo avanziamo verso questo futuro che ci vuole pure impegna costanza e spirito sportivo ho fiducia nel futuro e spirito sportivo devo fare menzione al Bologna ieri è un prodotto laddove mentre ed è questa che e devo dire che tante grazie per l'ascoltarmi vi auguro un buon congresso era grazie tante equazioni sono i nostri dati escluso quello italiano comunque grazie

Da Youtube

Gio, 04/30/2015 - 12:23
3:56
Luca Attias (DG Sistemi Informativi della Corte dei Conti e ispiratore dello straordinario blog “...
Ven, 04/17/2015 - 17:23
3:56
https://youtube.com/devicesupport http://m.youtube.com
Gio, 04/09/2015 - 16:01
0:53
Andrea Lisi, avvocato esperto di gestione documentale informatica, presidente di ANORC e...
Mar, 04/07/2015 - 09:43
0:53
l DataLab Lazio Tour, che farà tappa tra aprile e settembre nei territori laziali, è un'occasione...
Mar, 03/31/2015 - 14:30
51:09
Pubblicati i materiali presentati dai relatori intervenuti al seminario, organizzato dall'Agenzia...
Mar, 03/31/2015 - 14:27
1:06:43
Pubblicati i materiali presentati dai relatori intervenuti il 23 marzo al webinar organizzato da...
Lun, 03/16/2015 - 17:06
1:14:17
Lunedì 16 marzo l'Osservatorio Nazionale Smart City di ANCI, in collaborazione con FORUM PA, ha...
Ven, 02/27/2015 - 17:44
1:06:55
In attesa della scadenza del 31 marzo relativa alla fatturazione elettronica FORUM PA, l'...
Lun, 12/22/2014 - 14:06
14:44
Emanuele Geri, responsabile degli Open Data del Comune di Firenze, in occasione della sua...
Gio, 12/18/2014 - 17:09
1:11:35
Giovedì 18 dicembre FORUM PA, Digital...
Mer, 12/17/2014 - 16:48
2:36
Fabio Lenzi, fondatore e senior partner Iris–Idee...
Mer, 12/17/2014 - 15:40
4:30
A poco più di due anni dall'inizio del nuovo corso dell'amministrazione Pizzarotti, abbiamo...

Potrebbero interessarti anche

Giovedì, 17 Maggio 2012 - 12:00am
00:13:08
Flavia Marzano
XXIII edizione del Forum PA 2012 "Agenda Digitale, Semplificazione e Sviluppo nell'Open Government" (16 - 19 maggio 2012)
Lunedì, 29 Ottobre 2012 - 12:00am
00:14:20
Gabriele Falciasecca
promosso da Radio Radicale, Forum PA, Unidata, Centro d'Ascolto dell'Informazione Radiotelevisiva e da Cedat 85 nell'ambito di Smart City Exhibition 2012 Comunicazione, Qualità e Sviluppo nelle Città Intelligenti in programma nei giorni 29, 30 e 31 ottobre 2012
Lunedì, 29 Ottobre 2012 - 12:00am
00:18:17
Hannes Astok
promosso da Radio Radicale, Forum PA, Unidata, Centro d'Ascolto dell'Informazione Radiotelevisiva e da Cedat 85 nell'ambito di Smart City Exhibition 2012 Comunicazione, Qualità e Sviluppo nelle Città Intelligenti in programma nei giorni 29, 30 e 31 ottobre 2012
Giovedì, 17 Maggio 2012 - 12:00am
00:24:01
Gloria Piaggio
XXIII edizione del Forum PA 2012 "Agenda Digitale, Semplificazione e Sviluppo nell'Open Government" (16 - 19 maggio 2012)
Giovedì, 17 Maggio 2012 - 12:00am
00:08:27
Danilo Bianco
XXIII edizione del Forum PA 2012 "Agenda Digitale, Semplificazione e Sviluppo nell'Open Government" (16 - 19 maggio 2012)